ricomincio….

Pensavo quest’anno di  riuscire a scappare da casa almeno per le visite  natalizie  in Liguria o a Cuneo e invece non ci sono riuscita per… motivi di ovile!!!  In realtà è una cosa tenera. Non avevo mai tenuto capre e  proprio  prima di Natale hanno partorito le due  che abbiamo acquistato quest’estate, insieme al becco ovviamente o non ci sarebbe storia da raccontare. La prima ha partorito il 19, 2 capretti, un maschio e una femmina. Stavo pulendo i box dei cavalli e  sentivo belare, un pianto prolungato, recepito da orecchio e mente non subito, ma come spesso accade dopo tempo come insolito. Sono andata a vedere e stava finendo di uscire il secondo capretto, bagnati ambedue. Ho telefonato a una mia vicina  che sapevo  tempo fa aveva le capre per chiederle cosa fosse meglio facessi. Lei è venuta e  abbiamo asciugato  i piccoli con la paglia, anche se già la mamma li ripuliva di sangue placenta e liquido amniotico e poi è venuto quasi buio  mentre riparavo meglio il ricovero, inchiodando dei sacchi di tela  a riparare lati aperti,  creando una separazione per il becco, temendo potesse fare  ai piccoli che malfermi sulle zampe sproporzionate e sottili  già cercavano le mammelle della madre.

541601_802782976449811_1651203794178111177_n

 

Simona era rincresciuta di non esserci stata ma arrivava a casa il giorno dopo e l’altra capra doveva ancora partorire. E il giorno dopo lo ha fatto. C’era anche Sergio a casa …era sabato. Appena l’ho chiamata Simona è corsa…non ha mai visto nascere un animale. Ma si è subito capito che c’era qualche problema anche se non siamo esperti. Infatti la testa del primo capretto è uscita, indipendente già nel movimento e nel guardare il mondo ma  non riusciva  a uscire il resto e si vedeva il musetto perdere vitalità, reclinarsi come ad abbondare le forze.Tardi per chiamare  il veterinario, troppo distante.Ma. Giuliana che ho chiamato  di nuovo è riuscita a farlo uscire, è uscito facilmente il secondo ,ma erano tre  e non se n’è accorta neanche lei. La capra non guardava i due piccoli, non li leccava e non li lasciava attaccare. E il latte era giallastro e burroso. L’abbiamo massaggiata  e poi sembrava meglio ma  per far succhiare i capretti abbiamo forzato l’altra capra. Abbiamo fatto notte con una luce aggiunta; al mattino siamo andati con Simo  appena chiaro e la capra aveva  partorito il terzo morto , ma gli altri due lo erano quasi. Sono usciti o forse cacciati  dar ricovero ed erano mezzo assiderati con pochi segni vitali. Li abbiamo portati in una cesta in caldaia e abbiamo provato  a dargli del latte in cartone con le dita. Poi corsa in una farmacia di turno la domenica  per un biberon e del latte in polvere da bambini. Il lattolo, che è latte apposito per animali lo abbiamo trovato solo al lunedì in consorzio. La capretta ha iniziato  pian piano a succhiare, il capretto per due giorni  lo abbiamo allattato  con una siringa senza ago, piano piano, goccia dopo goccia forzando l’angolo della bocca.. Simona ci si è dedicata in maniera commovente: sembrava li avessimo salvati tutti e due ma  dopo aver iniziato a stare in piedi anche se malfermo poi il capretto è peggiorato. Lo abbiamo sepolto sotto un biancospino. Rin invece mangia ormai avidamente ogni 3 ore dal suo biberon. Da due giorni la mettiamo mezz’oretta con gli altri ma piange tutto il tempo.La facciamo uscire in cortile e ieri me la sono portata  dagli animali. Segue come un cagnolino a saltelli e piange se non vede me o simona. Konrad Lorenz avrebbe potuto aggiungere un capitolo all’Anello di Re salomone!

10805596_802783059783136_6037516805956852008_n

 

Poco fa Simona  è tornata ad Alessandria.

Domattina ha lezione e domani sera va a prendere Gabriella a Orio al Serio. Così domani , che è il mio compleanno, sino a quando non arriva Sergio, sono soletta . Chissà se Rin mi farà gli auguri. Comunque poi sabato festeggiamo sia il mio compleanno che quello di Simona (lei è nata il 9). Andiamo tutti a cena  in un ristorante dove ormai è tradizione  festeggiare le nostre ricorrenze, io e Sergio, Simona e Gabriella, Serena e Diego. Io ora devo scendere a dare il latte a Rin

 

 

10801597_802782829783159_8603901921716262922_n

 

ricomincio….ultima modifica: 2015-01-07T10:32:46+01:00da trovareavalon
Reposta per primo quest’articolo

5 risposte a “ricomincio….

  1. Cristo santo sei ritornata Ava! Che piacere amica mia rileggerti dopo tanto tempo, e che piacere leggere nuovamente questi post che sanno di buono come il pane appena sfornato. Non ci speravo più, venivo di tanto in tanto a salutarti ma mai avrei pensato oggi di emozionarmi come un tempo.
    Buon compleanno, oggi sono felice della mia giornata, anche grazie a te.
    A presto amica ritrovata.
    haffner

  2. E così rieccoci come un tempo, con le stesse storie, tutte diverse e tutte uguali a noi stessi, con il piacere di leggerle e di comunicarle.
    Sono troppo contenta di averti “rivisto”. Dopotutto un bel regalo per il nostro (e già…anche il mio) compleanno ci voleva.
    Spero che tu non scompaia ancora per troppo tempo, sarò una sentimentale mio malgrado,ma mi fa piacere rincontrare gli amici della prima ora.
    Anche saltuariamente, mi accontento.

  3. Buongiorno Ava, buon inizio settimana e tante cose belle per te.
    haffner

  4. Un caro saluto Ava, e l’augurio di un buon fine settimana.
    haffner

  5. Prima volta sul tuo blog che trovo per vie di amici comuni.
    Complimenti e dall’archivio sembrerebbe ci sia stata una lunghissima pausa.
    Bentornata allora!

    Uomo

Lascia un commento